Docenti

Dipartimento di Danza Classica e Modern Graham

Yuki Imaizumi

Direttrice artistica LAB
Danza classica, punte, repertorio, tecnica maschile, PBT

 Yuki Imaizumi è nata a Hiroshima, in Giappone, nel 1985.
All’età di 3 anni ha cominciato a frequentare il corso di pianoforte secondo il metodo Suzuki e all’età di 5 ha cominciato a frequentare anche il corso di danza presso la Ishihara Ballet Academy – direzione artistica di Junko Ishihara. Ha seguito M^ Junko Ishihara per la danza classica formandosi nel metodo Vaganova / Cecchetti, M^ Takako Asakawa – ex prima danzatrice per la Martha Graham Dance Company – per la danza moderna in tecnica Graham, M° Kozaburo Yukihiro per la danza moderna in tecnica Limon.
Nel 2004 viene ammessa al 7°corso della scuola di ballo dell’Accademia del Teatro alla Scala sotto la direzione artistica di Anna Maria Prina e si trasferisce a Milano.
Dal 2006, a Milano, Yuki ha studiato con M^ Prisca Picano e M° Salvatore Tarascio, entrambi ex primi ballerini del Teatro San Carlo di Napoli, partecipando a diversi concorsi come il “Rudolf Nureyev International Ballet Competition” e il “Premio Internazionale di Sanremo”.
Nel 2008 ha cominciato la collaborazione con il Balletto di Vicenza nella qualità di danzatrice solista. La direttrice artistica e la coreografa in residence della compagnia Monique Pepì ha creato numerosi balletti neoclassici insieme a Yuki, interprete nel ruolo dominante di opere importanti come “Madame Butterfly”, “Giulietta e Romeo”, “Carmen Suite”.
Nel 2011, in occasione di un viaggio negli Stati Uniti, Yuki ha incontrato Brett Raphael, CEO e direttore artistico della Connecticut Ballet Inc, ed è stata ospitata nella compagnia per le stagioni 2011/2012, 2012/2013, e 2013/2014. Ha interpretato i ruoli solistici nei grandi balletti come “Lo schiaccianoci”, “La bella addormentata nel bosco”, “Giselle”, “Cenerentola.”
Ha iniziato la sua carriera come docente di danza classica presso il Conservatory of Dance in Wilton, nell’anno scolastico 2013/2014, e ha completato lo studio di formazione all’insegnamento presso la National Training Curriculum Program dal Pre-primary al livello 3.
Si è perfezionata nella didattica dell’insegnamento presso l’Accademia del Teatro Alla Scala, dove ha frequentato il Corso Biennale per Insegnanti di Danza Classica-Accademica, diplomandosi nel 2016 con il merito.
Allo stesso tempo, nel 2014 ha fondato Pre Ballet Academy a Milano nella sede dell’Associazione Danza Milano.
Dal 2016 è nel corpo di mimi e mime del Teatro Alla Scala ed è stata selezionata per le produzioni opere liriche come “Le Nozze di Figaro” con la regia di Frederic Wake-walker e “Madame Butterfly” con la regia di Alvis Hermanis.
Nell’aprile 2019 Yuki accoglie l’invito a collaborare con il Dipartimento di Danza di LAB come docente e direttrice artistica.

Nadia Garuti

Docente ospite Masterclass

“Danza, bambino, scuola: tre parole chiave che giocano un ruolo fondamentale nella professione di Nadia Garuti. Specialista di danza applicata per le scuole e di danza creativa-educativa, docente di propedeutica alla Scuola di Ballo del Teatro alla Scala, Nadia insegna nelle città di Milano e Reggio Emilia. Ma, il viaggio che intraprende grazie alla sua passione per la danza e per il mondo dell’infanzia ha in realtà una sola meta: l’universo bambino e la sua creatività. Partire dai bambini, aiutarli a conoscersi e a costruire la propria identità sono capisaldi irrinunciabili del suo lavoro, che proprio nella danza trova gli elementi per aprire un canale comunicativo con loro: gesto, movimento, spazio, musica, gioco, sperimentazione. Ambiente educativo e protetto, la scuola è luogo ideale per accogliere le potenzialità espressive dei piccoli. Ed è soprattutto qui che Nadia Garuti canalizza le sue competenze professionali, convinta che il linguaggio della danza, così potente ed evocativo, non si opponga all’attività didattica ma, anzi, la arricchisca e la completi”. (Dal profilo tratto da “Danzastraordinaria”, ed. dell’Ambrosino – scritto da Lorena Lilla con prefazione di Anna Maria Prina.
Nadia Garuti ha conseguito il Diploma di Maestro d’Arte e nel 1976 e il Diploma di Maturità in Arte Applicata presso l’Istituto d’Arte “Gaetano Chierici” di Reggio Emilia, proseguendo la ricerca in ambito storico, Storia dell’Arte, Storia della Danza e della Musica fino ad oggi anche a sostegno del proprio percorso professionale.
Si è diplomata al Corso Biennale di Perfezionamento per Insegnanti di Danza Classico-Accademica del Teatro alla Scala nel 2000, con Tesi “I Maestri di Danza italiani in Francia e oltre, dal ‘400 alle soglie dell’800, la loro migrazione, i motivi e i percorsi visti attraverso la Filosofia, la Pedagogia e la Storia”.
Dal 2000 è Docente di Propedeutica alla Danza Classico-Accademica presso la Scuola di Ballo dell’Accademia Teatro alla Scala di Milano, dove si occupa di insegnamento rivolto ai bambini e ragazzi e della Formazione ai Corsi Insegnanti e Seminari monotematici di Propedeutica alla Danza. Presso L’Accademia del Teatro alla Scala ha svolto dal 2008 al 2012 “Corsi di Espressione corporea” rivolti alla formazione di docenti ed educatori oltre che alla programmazione e svolgimento di progetti nelle scuole di Milano e Piacenza.
Nel luglio del 2010 è Docente di Espressione Corporea al VII° Campo “Mare e musica” di Fermo (AP) organizzato da Accademia Teatro alla Scala. Dal 1997 ricerca in ambito di movimento creativo e di storia della danza, sviluppando progetti rivolti a Insegnanti in Corsi di Formazione e aggiornamento presso: UCIIM di Reggio Emilia 1997, La Danza a Scuola, Provveditorato agli Studi di Reggio Emilia 1998-2004, Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia, Attività laboratoriale di danza all’interno del corso speciale abilitante rivolto a insegnanti di sostegno 2005-2006.
È stata Relatore al seminario sulle prassi dell’integrazione, con progetto Tattile sensoriale rivolto a ragazzi disabili 2003. Dal 2004 ad oggi collabora alla Formazione di educatori presso L’Indaco atelier di ricerca musicale ed espressiva, a Reggio Emilia.
Da luglio a novembre 2017 ha collaborato al Laboratorio di Espressione corporea e Gestualità Barocca finalizzato alla messa in scena dell’Opera rinascimentale “L’Orfeo Dolente” di Domenico Belli (1616), rappresentata presso il Castello del Buonconsiglio di Trento il 14 novembre 2017, Festival Trento Musica Antica, in collaborazione con Bonporti Antiqua Ensemble, classe di canto Rinascimentale e Barocco – Docenti: Lia Serafini, Roberto Gianotti. Messa in scena: Nadia Garuti.
Nel Gennaio 2017 si dedica al Progetto di “Gestualità Barocca” in collaborazione con Bonporti Antiqua Ensemble classe di Canto Rinascimentale e Barocco – dall’analisi dei trattati di Ballo di Cesare Negri, Arbeau e “…o vero alcune osservazioni per metter bene in scena le composizioni drammatiche”, fino alla creazione coreografica di “Lasciate i monti”, “Lamento della Ninfa”, “Sì dolce il tormento” di Claudio Monteverdi.
Nel Gennaio 2017 si dedica al Progetto di “Gestualità Barocca” in collaborazione con Bonporti Antiqua Ensemble classe di Canto Rinascimentale e Barocco – dall’analisi dei trattati di Ballo di Cesare Negri, Arbeau e “…o vero alcune osservazioni per metter bene in scena le composizioni drammatiche”, fino alla creazione coreografica di “Lasciate i monti”, “Lamento della Ninfa”, “Sì dolce il tormento” di Claudio Monteverdi.
Dal 6 al 13 marzo 2017 e nel febbraio marzo 2018 collabora con l’Istituto Superiore Liceale “Matilde di Canossa” – Reggio Emilia, Progetto Danze Storiche del Balletto Ottocentesco; attraverso l’osservazione di fonti iconografiche, la lettura dei trattati dell’Arte della Danza dal 1400 e 1600 ed elementi di storia della danza, per comprendere, favorire l’apprendimento, l’inserimento storico corretto e lo studio dei passi base della Danza storica inserita nel repertorio del balletto ottocentesco – “Il Lago dei cigni”, “La Bella addormentata” e “Romeo e Giulietta”, passi base e apprendimento di brevi coreografie dal 1400 in poi.

Giulia D’Antoni

Coordinamento LAB danza moderna e contemporanea
Tecnica Graham, danza moderna e contemporanea

Giulia D’Antoni ha iniziato il suo percorso di studi professionali al Teatro alla Scala di Milano e ha ha esordito con “Lo Schiaccianoci” con la compagnia del Teatro alla Scala. Dopo avere vinto una borsa di studio al Balletto di Toscana, ha proseguito gli studi classici a Vienna e nel 2012 ha conseguito il diploma presso l’Opera di Stato di Vienna. Nell’estate seguente ha frequentato una scuola estiva presso la Boston Ballet School e iniziato un percorso di studi presso la scuola di Martha Graham a New York. Nel 2014, dopo essersi diplomata come ballerina Graham, entra a far parte dell’organico della Graham II. Giulia ha inoltre conseguito il diploma di insegnante di Tecnica Graham ed è un’insegnante certificata dall’American Ballet Theater dal livello Pre-Primary al livello 3.
Negli ultimi anni, ha avuto la possibiltà di esibirsi con diverse compagnie americane e ha insegnato in varie scuole Newyorkesi tra cui la Martha Graham School, la Peridance e la Broadway Dance Center. Giulia attualmente è docente presso la scuola di Orsolina 28 e guest teacher in varie scuole italiane.

Dipartimento di Musica e Teatro

Alessia Canducci

Ars in lettura

Alessia Canducci affianca al regolare corso di studi – diploma magistrale, laurea in lingue e lett. Straniere – quelli musicali – licenza di solfeggio e compimento inferiore di pianoforte – e quelli teatrali. Diplomata alla Scuola di Cultura Teatrale diretta da Giorgio Albertazzi, completa la formazione teatrale seguendo stages con vari attori e registi di fama internazionale. Tra i fondatori de “La Compagnia del Serraglio” di Riccione, dal 1993, a progetti di teatro per adulti, affianca un’intensa attività rivolta ai bambini ed ai ragazzi, ideando e realizzando, come attrice e regista, spettacoli, laboratori, corsi di formazione. Tra i tanti spettacoli segnala, in coppia con Mirco Gennari, la trilogia “Mirtillo e Pizzico” duo di clown pasticceri e pasticcioni alle prese con tre ricette: crostata, pizza e polpette.
Dal 1996 approfondisce le tecniche di teatro di narrazione e lettura ad alta voce, prediligendo la relazione tra voce e musica, realizzando assieme al musicista Tiziano Paganelli un vasto numero di spettacoli per voce recitante e suoni, tutt’ora in repertorio. Tra i tanti: “Machemare! Fiabe di Acqua salata”, “Sulle tracce della volpe – storie furbe e suoni furbissimi”, “Minipin: voci e suoni dal bosco stregato”, “C’era una volta, ascolta, Le avventure lunari di una bambina lunatica”.
Nel 2000, assieme a Mirco Gennari fonda il progetto “Librillo, il virus della lettura… e la lettura diventa contagiosa”, che si avvale dell’esperienza del teatro d’attore per promuovere la lettura tra bambini, ragazzi e adulti, attraverso spettacoli, letture drammatizzate e laboratori presso biblioteche, teatri, istituzioni scolastiche.
Da allora conduce corsi di formazione sulle tecniche di lettura ad alta voce e narrazione, con particolare attenzione rivolta ai libri più adatti alle varie fasce d’età; a tal fine aggiorna continuamente il repertorio, con attenzione alle più stimate proposte dell’editoria per ragazzi. Collabora con continuità con le biblioteche della regione Emilia Romagna, Marche, Toscana. Conduce formazioni per il personale docente di Nidi, Scuole dell’infanzia e primaria in diversi comuni delle regioni Emilia Romagna e Marche.
In collaborazione con la rivista Liber ha formato il personale bibliotecario della provincia di Pistoia, Siena, Formia.
Per il Centro per le Famiglie di Rimini, insieme a Flavia Manente ha formato nel 2014 lettori volontari per il progetto “Libri in pediatria? Tutta un’altra storia!”.
Dal 2003 collabora al progetto nazionale “Nati per Leggere”, per il quale è formatrice accreditata di lettori volontari per le biblioteche della provincia di Ravenna, Bologna, Modena, Cagliari, Pesaro Urbino Rimini, Forlì. Per il progetto Nati per Leggere della provincia di Pesaro Urbino ha realizzato dal 2010 la formazione di oltre 700 lettori volontari, ed è stata relatrice ai tre convegni formativi rivolti ad insegnanti ed educatori della provincia negli anni 2013, 2014 e 2016.
Collabora dal 2002 con Equilibri soc. coop. (Modena) alla realizzazione di progetti di promozione alla lettura, e al progetto per adolescenti “FuoriLegge – la lettura Bandita”.
Nel 2006, dall’ omonima antologia pubblicata da Equilibri, nasce insieme al gruppo musicale Flexus lo spettacolo di letture, musiche e canzoni “E per questo resisto”- voci e musiche per ricordare la Shoah, che, rivolto agli adolescenti, replica in biblioteche, scuole, teatri.
Nel 2015 ha curato per le biblioteche del circondario imolese gli incontri con 64 classi della scuola primaria e secondaria di primo grado sul percorso NO WAR 1915-2015 guerre di ieri e di oggi. Nel 2016, in occasione del centenario della nascita di Roald Dahl, ha curato per lo stesso committente un percorso sul grande autore inglese, per 72 classi di scuola primaria e secondaria di primo grado.
Per il festival “Mare di Libri”, “Festival dei ragazzi che leggono”, ha realizzato, in collaborazione con Andrea Felli e Teodora Camerini, nel 2014, la traduzione scenica della graphic novel Jane, La volpe & io, ed. Mondadori, che replica al Festival Libr’Aria di Albinea, al festival Fiato ai libri Junior in biblioteche e scuole secondarie di primo grado; nel 2015 ha realizzato con gli stessi collaboratori la lettura scenica di Immagina di essere in guerra, J. Teller, ed. Feltrinelli, che replica al festival “Storie Controvento”, Bellinzona. Del 2016 è la produzione “L’Arca parte alle 8” lettura scenica dell’omonimo romanzo di Ulrich Hub edito da Rizzoli, con paesaggi sonori a cura di Andrea Felli, del 2017 le letture e narrazioni “L’altra Sirenetta” e “L’altra Cenerentola” in collaborazione con gli autori Silvia Vecchini e Antonio Sualzo Vincenti, del 2018 lo spettacolo tratto dalla Graphic Novel ‘Mary e il Mostro’ di Lita Judge, ed. Il Castoro, musiche di Desislava Kondova editing video di Stefano Santini.
Ha in repertorio un vasto numero di letture ad alta voce, narrazioni e percorsi per bambini, ragazzi, giovani adulti e adulti.
Voce narrante degli spettacoli “Cammina Cammina” e “Trunkerumpampumpera”, e nelle tracce audio degli albi Caterina “Cammina Cammina”, di Elisabetta Garilli ed Emanuela Bussolati, e “Trunkerumpampumpera”, di Elisabetta Garilli e Walid Taher, ed. Carthusia 2019. È voce narrante del romanzo in audiolibro “Fuori Fuoco”, di Chiara Carminati ed. Bompiani.